Style

Trend e look dalla Paris Fashion Week

30.01.2019

Più che una Fashion Week, quella che va in scena a Parigi a metà gennaio è una vera e propria staffetta di sfilate: è iniziata con gli uomini che hanno calcato le passerelle per le collezioni autunno/inverno 2019 tra martedì 15 e domenica 20 gennaio; il testimone poi è passato all’alta moda e alle sfilate per la primavera estate 2019. Per l’occasione Parigi si è illuminata di scintillanti passerelle da lunedì 21 a giovedì 24.
Abbiamo raccolto i migliori look di questi dieci giorni di moda sia sulle passerelle che per le strade!

Parigi Uomo Autunno/Inverno 2019

I cappucci di Sankuanz sfilano da Sotheby’s

Non è un posto dove si vedono spesso ragazzi vestiti con felpe con il cappuccio, vero? Shangguan Zhe ha disegnato una collezione che mescola la moda con lo streetstyle, così come con la sua interpretazione dell’abbigliamento da sub, che qui è destrutturato e interpretato con materiali inaspettati. Per la prima volta il brand ha portato anche dei look da donna sulle sue passerelle, con pantaloni aderenti e gilet.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by SANKUANZ OFFICIAL PAGE (@sankuanz_official) on

Uno show digitale per Off-White


Dettare moda significa anche infrangere alcune regole e Virgil Abloh lo ha appena fatto con il suo spettacolo chiamato “Public Television”, in streaming su www.off—white.com. Questa esperienza online ci ricorda un pochino un episodio di Black Mirror, ma è questo il bello, no?

 

View this post on Instagram

 

A post shared by @virgilabloh on

Gli uomini bucolici di Jacquemus


Intitolato Le Meunier, l’uomo che Jacquemus ha immaginato per la sua collezione autunno/inverno 2019 viene da un’esperienza molto specifica:

    Ho voluto ricreare l’atmosfera della mia infanzia e raccontare la collezione in modo molto intimo

La collezione comprende pantaloni e giacche ispirate all’abbigliamento da lavoro e ruba linee e materiali alla terra e al lavoro dei campi.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by JACQUEMUS (@jacquemus) on

La scatola nera di Celine


E’ successo di nuovo: la sfilata di Celine si è svolta in una scatola nera per la seconda volta dopo lo show di ottobre. L’effetto è stato quantomeno drammatico e gli ospiti sono stati stupiti dalla vista dell’Arc de Triomphe e dagli altrettanti drammatici look disegnati da Hedi Slimane, che comprendono completi da uomo attillati ma anche outwear che va verso linee oversize.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by CELINE (@celine) on

Parigi Haute Couture Primavera/Estate 2019

Le costruzioni eteree di Iris Van Herpen


Abbiamo parlato qui in maniera più approfondita di Iris van Herpen e del suo processo senza soluzione di continuità che ha portato al suo ultimo, intricato lavoro, un mix di creatività visionaria, lavoro artigianale e studio di nuove tecniche.
La sua collezione Shift Souls ha portato a Parigi un suggestivo capolavoro che celebra la passione per la trasformazione di intuizioni, leggende e teorie in abiti sensazionali. La designer si è ispirata alla Harmonica Macrocosmica, una mappa stellare disegnata dal cartografo tedesco-olandese Andreas Cellarius, pubblicata nel 1600.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Iris van Herpen Official (@irisvanherpen) on

Il circo di Dior


Se non fosse drammatico, ironico e un po’ folkloristico non avrebbe la firma di Maria Grazie Chiuri di Dior. Per la sfilata parigina di Dior ha messo in piedi un vero e proprio circo, con un autentico tendone da circo nelle sale del Musée Rodin: la sfilata ha visto esibirsi anche alcuni acrobati, che hanno preceduto sulla passerella i modelli, vestiti con abiti che sembravano richiamare le atmosfere circensi. Tulle, berretti e paillettes colorate sono gli elementi che hanno dato vita alla stravagante arte del circo.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Dior Official (@dior) on

Villa Chanel


Così è stato chiamato dall’istituto francese per la moda: la sfilata Haute Couture si è svolta in un grande giardino mediterraneo, con il Grand Palais che si rifletteva in uno specchio d’acqua e modelli che passeggiavano nel cortile interno sulle note delle canzoni di Mina, che hanno creato un’atmosfera di malinconica nostalgia proprio mentre fuori cominciava a nevicare.
Tutto ha contribuito a puntare l’attenzione su paillettes, piume e abiti in pizzo, con una esagerazione dei volumi sulle maniche, nelle gonne a palloncino e in strati e strati di rouches.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by FASHION TO MAX (@fashiontomax) on

Lo statement di Viktor&Rolf

Nell’accezione più letterale possibile, così è come gli olandesi hanno interpretato il linguaggio dei social media, trasformandolo in abiti dalle silhouette scultoree ed estreme: nasce così la loro collezione ispirata alla cultura del meme.
“I’m not shy, I just don’t like you”, cioè “non sono timida, è solo che non mi piaci”, è probabilmente il modello di punta tra le 17 creazioni di tulle colorato.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Viktor&Rolf (@viktorandrolf) on

Streetstyle

La neve nell’aria e tocchi di oro abbinati ad una buona dose di rosa pastello e bianco: orecchini oversize e sneaker bianche l’hanno fatta da padrone nel gioco dello streetstyle. Sì, beh, l’attenzione su questi dettagli è d’obbligo, dalle sneaker neon bicolori ai pantaloni cargo di ispirazione militare/aviazione e naturalmente le onnipresenti maschere, gli asiatici sembrano vivere su un altro pianeta e si vede dallo streetstyle!

 

View this post on Instagram

 

A post shared by 🦄 Charlie 🦄 (@peony_charlie) on

Let it snow

Colori vivaci e lettere per un cappotto oversize che soddisfa tutti i bisogni dello streetwear, anche durante una giornata di neve nel bel mezzo della Parigi Fashion Week 2019.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by @losangelinainparis on

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Street Style (@fashion_week_street_styles) on