Travel

Tradizioni gastronomiche di Capodanno da tutto il mondo

22.11.2018

Quando si tratta di Capodanno, l’assortimento di cibo, bevande e delle cose che facciamo in relazione al cibo e alle bevande è vario quanto il numero di paesi del mondo: ma se volete imparare qualcosa di nuovo e magari anche farvi ispirare per decidere la meta per un viaggio durante le vacanze di Natale, ecco alcune delle più strane tradizioni gastronomiche di Capodanno da tutto il mondo.

Tradizioni gastronomiche di Capodanno dall’Europa

Spagna

Non fatelo a casa. Cercare di ingurgitare più cibo possibile in un sol boccone è una cosa pericolosa, ma in Spagna hanno optato per tradizione culinaria di Capodanno estrema. Mettersi in bocca nientemeno che 12 acini d’uva è un rito che porta fortuna: ma per favore, accertatevi che i bambini ricorrano ad altri metodi ‘porta fortuna’ per l’anno nuovo.

E poi, la versione liquida dell’uva (quella con l’alcol) non sarebbe molto più divertente?

Italia

La quantità di cose strane che le persone fanno in Italia durante l’ultima notte dell’anno è davvero incredibile, state attenti! Dal buttare giù dal balcone qualsiasi cosa, dai mobili vecchi al cibo e ai vestiti, dai baci di massa all’indossare mutande rosse, seguire alla regola le tradizioni culinarie di Capodanno può richiedere molta preparazione. Ci vorrebbero capitoli e capitoli per descrivervi tutte le tradizioni culinarie di Capodanno in Italia. Le cose più strane che la gente fa a mezzanotte in termini di ingestione di cibo sono:

  1. Mangiare cotechino e lenticchie
  2. Mangiare datteri e conservare il primo nocciolo come porta fortuna (in termini economici)
  3. Mangiare fino a scoppiare

Svezia e Polonia

Mangiare un’aringa in salamoia: è difficile trovare il coraggio di mangiare un’aringa in salamoia, ma gli svedesi e i polacchi hanno fatto di questo alimento una tradizione di Capodanno.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Githa Bennorth DK (@gastronomia_dk) on

Irlanda

Una tradizione gastronomica di Capodanno che non prevede l’ingestione di cibo, ma di lanciarlo: allo scoccare della mezzanotte ognuno lancia un pezzo di pane alla porta d’ingresso, un rituale per scongiurare la mancanza di cibo durante l’anno nuovo.

Estonia

Mangiare tanto a Capodanno è una tradizione condivisa da molti paesi, ma in Estonia il mangiare ‘troppo’ viene misurato con un numero specifico, il 7: 7 pasti, in un giorno. Questa però non è una tradizione gastronomica di Capodanno ma del primo giorno dell’anno nuovo.

Tradizioni gastronomiche di Capodanno dal Sud America

Bolivia

Le cose che potreste trovare in una torta poco prima di mezzanotte in Bolivia vi stupiranno…! Monete, sì, sembra un ottimo modo per buttare i soldi nel c****, ma non pensiamo che questa strana tradizione gastronomica di Capodanno preveda che le monete che si nascondono nella torta vengano effettivamente ingerite.

El Salvador

Questa tradizione gastronomica di Capodanno inizia la notte del 31, ma non preoccupatevi, non si tratta di una grande abbuffata. La gente in El Salvador rompe delle uova crude in un bicchiere d’acqua e la lascia lì fino alla mattina del 1° gennaio: ciò a cui assomiglieranno i tuorli avrà un significato legato all’anno.

Tradizioni gastronomiche di Capodanno in Asia

Corea del Sud

Anche se nella Corea del Sud Capodanno non cade il 31 dicembre ma il 16 febbraio, le loro tradizioni gastronomiche di Capodanno sono puntuali come in tutti gli altri paesi del mondo. Qui se non mangiate una zuppa chiamata tteokguk, non verrete nemmeno considerati più vecchi di un anno. Fatta con brodo, piccole torte di riso a forma di dischi, carne e verdure e spesso con l’aggiunta di uova, è una delle tradizioni gastronomiche di Capodanno dal mondo che vorrete poter ripetere tutti i giorni dell’anno.

Tradizioni gastronomiche di Capodanno dall’Africa

Nigeria

Tra le tradizioni di Capodanno in Nigeria, oltre ad andare in chiesa per vivere questo momento in modo più spirituale che materialistico, non c’è 31 dicembre che tenga senza un buon piatto di riso fritto/jollof con pollo o manzo prima che le famiglie si dirigano verso la chiesa per festeggiare la mezzanotte.