Style

Tessuti tecnici funzionali che si prenderanno cura di noi

12.12.2018

La tecnologia da indossare è l’innovazione più mainstream degli ultimi tre anni circa, con l’affermarsi di Fitness tracker per ogni tipo di utilizzo, progettati per adattarsi a qualsiasi gusto in fatto di stile: ma oggi indossare la tecnologia significa anche indossare tessuti tecnologici. La nuova frontiera è infatti il soft hardware incorporato nei vostri capi d’abbigliamento di tutti i giorni.

Lo sportswear come simbolo dell’evoluzione dei tessuti

Lo sport è sempre stato il territorio scelto dagli esperti di scienza in cui esplorare nuove frontiere in termini di materiali, aerodinamica, ingegneria e tutto ciò che lega il corpo alla performance. I tessuti sono probabilmente la prova più evidente dello sviluppo della tecnologia moderna nella creazione di materiali ad alte prestazioni: nell’arco di cinque decenni siamo passati dalle maglie da calcio in cotone pesante all’odierno Nike Dri-Fit, un tessuto che allontana il sudore e favorisce l’areazione o le maglie da calcio Z-Cool/Heat di Ziland, che possono adattarsi alla temperatura corporea.

Ma se gli atleti potessero indossare tessuti in grado di monitorare le loro condizioni di salute e la loro performance?

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Nike Football (Soccer) (@nikefootball) on

La ricerca dell’MIT

L’MIT ha già fatto tre passi avanti a tutti e ha sviluppato una tecnologia per la stoffa che ha proprio un dispositivo elettronico integrato: questo hardware è ben lontano dall’essere un gadget elettronico solido, o meglio, è lontano dall’essere una versione in miniatura di una sorta di FitBit.

Hanno messo a punto dispositivi optoelettronici con semiconduttore ad alta velocità e li hanno incorporati a tessuti soffici e lavabili, trasformando una semplice t-shirt in sistemi di comunicazione. Questa ‘miscela’ segna la nascita dei tessuti funzionali e sarà il futuro non solo dei tessuti sportivi, ma anche dei capi che indossiamo quotidianamente.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Wearable LED (@wearable.led) on

Yoel Fink, professore di scienze dei materiali e ingegneria elettrica dell’MIT e CEO di AFFOA (Advanced Functional Fabrics of America) ha dichiarato in un’intervista:

“Ci sta già permettendo di espandere le capacità fondamentali dei tessuti per includere comunicazioni, illuminazione, monitoraggio fisiologico e altro ancora. Negli anni a venire i tessuti offriranno servizi a valore aggiunto e non verranno più selezionati per estetica e comfort”.

Sensori laminati nella moda di tutti i giorni

Durante la Dutch Design Week 2018, è stato presentato un progetto di Marina Toeters (by-wire.net) e Margreet de Kok (Holst Center) che introduce ‘sensori laminati’, una tecnologia incorporata in qualsiasi tipo di prodotto di moda convenzionale.

I sensori sono lavabili fino a 25 cicli, sono comodi e invisibili: nella loro ultima collezione si sono rivolte alle sportive e alle professioniste. Il loro è un tipo di tecnologia indossabile che consente di monitorare le proprie condizioni di salute, dal battito del cuore ai livelli di stress. Oltre a introdurre un’innovazione così significativa, la sua creazione è integralmente sostenibile.

Cosa può fare il soft hardware?

Avete mai provato a chiedere a bambini di 2 anni se hanno freddo o a caldo? Potete provare, ma dipende totalmente da voi se fidarvi o meno di quello che vi risponderanno e se decidere di togliergli la giacca, anche se voi in realtà avete freddo.

L’abbigliamento per bambini non è l’unico settore in cui il Soft Hardware può trovare un’applicazione di successo, noi ne rivendichiamo i diritti tra l’altro: pensiamo al settore medico. Da pazienti che non possono comunicare a causa di una condizione temporanea, o a coloro che necessitano di assistenza medica 24 ore su 24, gli anziani e le persone che sono affette da qualche tipo di disabilità.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by MIT (@mitpics) on

Il futuro di quest’innovazione è accessibile a tutti?

Non sorprende che la ricerca dell’MIT abbia beneficiato del supporto dell’U.S. Army Research Laboratory e dell’U.S. Army Research Office attraverso l’Institute for Soldier Nanotechnologies. Ma speriamo davvero che innovazioni come queste saranno destinate a chi grazie a questa tecnologia potrà rivoluzionare la sua vita, a chi ne ha davvero bisogno.

Pace.