Musica

‘Secondo voi che cosa significa Terror Jr?’ hanno chiesto i Terror Jr a D360

12.04.2019 | By ELENA LONGARI

What the fuck is a loser? We all die in the future
We can die happy now, we can die happy

Che questi versi possano aiutarci a decifrare la risposta criptica dei Terror Jr alla nostra domanda sulle origini del loro nome?

Ma forse il messaggio è ancora più lampante nel ritornello della loro Terrified, 2019:

I’m not afraid of love, I’m terrified’

In ogni caso, concorderete con noi sul fatto che queste ipotesi siano un ottimo punto di partenza per capire la natura della creatività musicale di cui David Benjamin Singer-Vine e Lisa Vitale sono capaci; un tipo di creatività che li fa sicuramente emergere nell’affollatissima scena dance-pop contemporanea. Abbiamo fatto una rapida intervista al duo per scoprire di più su di loro.

From D360's Closet

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Terror Jr (@terror.jr) on

D360:Where does the name Terror Jr come from?

TERROR JR: We can’t tell you that :/ what does it mean to yo

Potreste aver sentito dei Terror Jr nell’ormai lontano 2016, quando girava la diceria che Kylie Jenner fosse la cantante del gruppo, dato che ‘3 Strikes’ era anche la colonna sonora dello spot di un lucidalabbra della sua linea. Voce poi smentita dalla stessa Kylie Jenner su snapchat.

D360: Dove e come vi siete conosciuti?

TERROR JR: Grazie alla nostra rete di contatti di gente stramba appassionata di musica, le solite cose 

 

Nel 2016, infatti, uscì il loro EP “Bob City”. Quello stesso anno vide l’elezione di Trump come nuovo Presidente. Cosa c’entra questo con il terror… Ehm, con i Terror Jr? C’entra, perché il duo racconta di un mondo di caos politico, di una società mentalmente instabile e – cosa anche peggiore – del fatto che nessuno ci faccia troppa attenzione.

All’inizio di quest’anno, i Terror Jr hanno pubblicato il loro album ‘Unfortunately, Terror Jr’: una raccolta di 15 brani che sono una ventata d’aria fresca nella cultura ‘fast food’ di oggi, anche quando parlano di esseri umani e, nello specifico, di come l’autoflagellazione sia il più grande trend del nostro decennio.

Champagne in my veins
Bleach soaking into my brain
This city’s making me crazy
But they say pretty is pain (Is pain)

D360: “Unfortunately, Terror Jr” ha totalizzato più di 8 milioni di ascolti su Spotify. Ci raccontate com’è andata a partire da quando è uscito?

TERROR JR: L’uscita dell’album è stato un sollievo, avevamo pubblicato 3 EP, è vero, ma questo è IL nostro disco. La soddisfazione maggiore è vedere la reazione a “Unfortunately, Terror Jr” durante i live… Dà un senso a tutto l’anno che abbiamo passato a scriverlo.

In “Heaven wasn’t made for me”, il falsetto inconfondibile di Lisa crea una melodia su quanto ‘falsi’ siano i testi di alcune canzoni [Tipo i vari “things are gonna get better” , che è tra le stron*ate più assurde di sempre]; questa presa di posizione lascia pochi dubbi riguardo all’anima di Lisa e David e al loro potenziale apporto a quel grande circo che è la musica di questi anni.

If there’s people you’ve gotta hate for

Loving what they made for

loving who they came for

But crooked saints get the big reward

No, Heaven wasn’t made for me

 

D360: I vostri testi trattano di alcuni aspetti culturali della società contemporanea, ma che ragazzi sono Lisa e David?

DAVID: Io amo divertirmi e vengo da un posto dove ci si diverte  

LISA: Ero una bambina tranquilla, poi ho scoperto la mia vera identità grazie alle gioie della musica

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Terror Jr (@terror.jr) on

D360: Potete raccontarci un po’ di più su come siete cresciuti, prima di diventare i Terror Jr?

LISA: Midwest, classe più o meno operaia, tante ore passate a chiuderci nelle cantine dei nostri genitori a ballare come pazzi 

DAVID: Un ragazzino di Berkeley cresciuto con amore a cui piaceva divertirsi

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Terror Jr (@terror.jr) on

D360: Siete in tour in Nord America; nei vostri piani rientra anche l’Europa?

TERROR JR: Se ci ingaggiano, certamente 🙂 è lì che ci piacerebbe suonare, poi 

D360: Lisa, se dovessi definire il tuo stile con tre capi, quali sarebbero?

LISA: Scarpe viola scintillanti, Reebok bianche classiche… Comfy Chic

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Terror Jr (@terror.jr) on

Ma non lasciatevi ingannare dal luccichio viola – da cui noi dobbiamo ancora riprenderci – perché il mondo raccontato dai Terror Jr è quello nascosto sotto l’apparente perfezione che cerchiamo di mostrare di noi. Ce l’abbiamo tutti questo casino interno e non deve farci poi così paura.

Se volete continuare a ballare con Lisa e David, non perdetevi le date del loro tour!

 

Vai al look!