Creators

#LIBRARY – Information & Nostalgia

30.01.2018 | By Mr Whisper

Una fredda sera invernale, dopo aver passato il pomeriggio a mostrare a mia cognata il West End, ci siamo avvicinati a Piccadilly Circus per tornare a casa quando ho notato questa signora in piedi vicino all’ingresso, completamente ignara della folla intorno a lei siccome era totalmente assorbita dal suo libro. In quel momento fui sopraffatto da una sensazione di nostalgia.

Mi ha riportato al primo momento in cui ho scoperto il mio amore per la lettura e come le pagine di un libro possono trasportarti in un altro mondo. Quel momento aveva avuto luogo nella mia biblioteca locale a Twickenham molti anni, fa durante gli anni della scuola.

Questo a sua volta mi ha portato a pensare a come la parola ‘library’ si sia evoluta per me nel corso degli anni.

La biblioteca era il posto fondamentale da visitare quando si doveva fare una ricerca per un progetto se l’archivio scolastico non era abbastanza fornito. Era anche un luogo di rifugio durante il periodo degli esami, un posto tranquillo dove andare e prepararsi per gli esami imminenti, anche se per me non è sempre stato così, quando arrivavo mi ricordo che mi sedevo a fissare i miei libri senza concentrarmi.

Poi la biblioteca è diventata la mia migliore scusa per uscire, dicevo ai miei genitori che andavo a studiare in biblioteca, e invece uscivo con i miei amici. La situazione ideale visto che più tempo rimanevo fuori più a lungo i miei genitori pensavano che io studiassi, è divertente e imbarazzante ripensarci ora.

Facciamo un salto in avanti di alcuni anni fino alla rivoluzione digitale con l’alba di Internet, smartphone e dispositivi connessi. Questo ha dato alle persone un intero mondo di informazioni, intrattenimento e istruzione a portata di mano. Cambiando ancora una volta il significato di biblioteca per me. In primo luogo, una tale disponibilità di materiale al semplice tocco di tasto ha reso la biblioteca fisica quasi ridondante nella maggior parte dei casi. Poiché molte cose che erano analogiche, cioè libri, dischi, CD ecc., ora sono convertite o prodotte in formati digitali.

Significa che le persone ora possono portare le loro librerie personali in tasca o sui laptop. Di conseguenza ci furono ulteriori effetti negativi su alcuni settori come l’industria editoriale e musicale e molti negozi dovettero chiudere. E’ stato un periodo triste, e mi ha colpito personalmente perché ricordo che quando ero un DJ appena ventenne, mi piaceva andare a Soho, Londra, il posto dove si potevano trovare tutti gli ultimi dischi in vinile, con l’eccitazione che accompagnava la caccia al disco che stavo cercando. Oggigiorno è difficile trovare negozi di dischi per aggiornare la propria libreria musicale, dato che solo alcuni rimangono a Soho e “Sounds of the Universe” è uno degli ultimi negozi che sopravvivono.