Culture

Il mondo degli influencer, senza filtri

31.10.2018 | By LISA HARTLE

Gli Influencer attirano più attenzione di alcune delle persone più famose del pianeta.

La popolarità di Alfie Deyes è stata evidente quando la polizia ha dovuto chiudere la sua presentazione del libro perché i fan presenti hanno superato di gran lunga il numero previsto – un effetto che gente del calibro di David Beckham non ha mai avuto.

I fan arrivano da tutto il mondo per setacciare le strade di Brighton sperando di imbattersi in Alfie o nella sua ragazza – Zoella.

I fan seguono i loro idoli da dietro i loro schermi ogni giorno, una finestra sulle loro vite, dal momento in cui si svegliano iniziano a condividere la loro giornata con il mondo. O almeno una versione del loro mondo.

È difficile immaginare perché qualcuno non vorrebbe avere la vita di un influencer, hanno una pelle apparentemente perfetta, non sembrano mai avere un wardrobe malfunction… e c’è sempre una candela costosa sullo sfondo. Per non parlare delle località esotiche in cui appaiono regolarmente insieme ad altri amici influencer che amano divertirsi.

 

Sì, il mondo di un influencer sembra davvero molto attraente. Quindi non sorprende che diversi studi abbiano mostrato che diventare un influencer è ora una delle carriere più ambite dai bambini.

Ma, ovviamente, gli influencer modificano letteralmente le vite che vogliono condividere con il mondo e le fanno sembrare la norma.

Quante volte avete visto una federa decorata con quello che rimane del trucco della sera prima o vedete un influente in hungover che si ficca un sandwich in bocca e per me sono le vasche da bagno… quei quick snap in stile “guardate, mi sono appena preparata un bagno caldo” fanno pensare che una squadra di scenografi si sia precipitata lì per preparare la vasca per lo sfondo dell’ultima copertina di Vogue.

Personalmente, se la schiuma arriva a coprirmi la vita sono soddisfatta, per non parlare della pianta perfettamente posizionata, una candela e una spazzola per il corpo che fa pensare alle mani di un angelo pronte a esfoliare la pelle.

Ma in questo mondo perfetto ci sono degli influencer che alzano le mani e dicono ‘in realtà questa è davvero la mia vita’ e non usano l’opzione ‘edit’.

Una di questi è Emily Hartridge.

Emily ha creato contenuti su YouTube per circa sette anni ed è entrata nel mondo di Instagram un paio di anni fa.

E’ diventata famosa su Internet con il suo show comico su YouTube ‘10 Reasons Why’ – raggiungendo milioni di visualizzazioni a settimana grazie al suo modo ironico di vedere il mondo. Da poco usa le sue piattaforme per diffondere consapevolezza sulla salute mentale e per condividere sua passione per la boxe.

Emily dice che dal 2007 sono cambiate molte cose nel mondo degli influencer.

All’inizio YouTube era fantastico, avevi la libertà di parlare di quello che volevi. Non curo più così tanto il mio canale perché YouTube ha cambiato tutte le regole, vengo a mala pena pagata, ora lo uso solo a scopo creativo.

Emily dice che è importante che gli influencer facciano uno sforzo per condividere sia le cose belle che le cose brutte della vita.

Sono infastidita perché ho l’impressione che le persone [gli influencer] si dimentichino di quanto siano impressionabili i giovani. La gente pensa che tutto ciò che queste persone fanno sia andare in vacanza, che tutto sia perfetto e che sono sempre molto felici, mi fa tristezza che non ci siano molte altre persone come me che parlano della vita reale.

Emily, dice di conoscere Instagrammer che hanno account separati e privati in cui pubblicano materiale di ‘vita vera’

Lo trovo molto deprimente, non lo farei mai. Pubblicano cose come outtake di quello che è la loro vita, fail di un photoshoot, a me invece piace mostrare entrambe le cose e non vorrei arrivare al punto in cui mi sento di dover avere un’altra piattaforma per i miei amici.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Emily Hartridge (@emilyhartridge) on

L’impatto della cosiddetta perfezione offerta dai filtri sui selfie è evidente dai risultati di una ricerca dell’American Academy of Facial Plastic and Reconstructive Surgeons.

Lo studio dichiara che il 55% dei chirurghi plastici facciali nel 2017 ha visto pazienti che desideravano un intervento chirurgico per aiutarli a venire meglio nei selfie.

Emily dice di non essere in disaccordo con l’utilizzo dei filtri online (molti di noi lo fanno a un certo punto anche se si tratta di aggiungere un simpatico tratto animalesco), ma non è d’accordo con chi nega di usarli.

Penso che una cosa sia usarli e dichiarare che quella è davvero la tua faccia, ma se li usi e poi sei onesto e parli del fatto che tutti usiamo filtri, allora penso che i giovani inizieranno a capire che quello è il modo in cui sono davvero.

La vita ritoccata non si ferma solo all’apparenza, dice Emily.

Su Instagram ci sono molti amici finti, conosco vlogger che odiano il vlogging e odiano andare a questi eventi per parlare con altri vlogger. Probabilmente dovrei farlo anche io, ma sono più interessata alla longevità.

Emily, che ha anche studiato per diventare personal trainer, ha condiviso online con i suoi follower la sua lotta personale con la salute mentale per contribuire ad aumentare la consapevolezza e combattere ogni genere di stigma sulla malattia mentale.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Emily Hartridge (@emilyhartridge) on

Perché ho avuto un esaurimento nervoso, non voglio davvero essere responsabile per qualcun altro e penso che se hai una piattaforma con un largo seguito, penso che puoi dimenticarti di quanto sia importante.

Quindi, la prossima volta che vedete un influencer postare una foto con una vasca da bagno ‘perfetta’, con gli asciugamani perfettamente piegati che promettono un morbido benvenuto una volta fuori dall’acqua, ricordatevi che forse ha dovuto sacrificare la temperatura dell’acqua e 20 minuti della sua la vita per fare quel post.