Musica

D360 Music Radar: Junglepussy

16.10.2018

A 27 anni, Junglepussy non è una stella appena nata che il mondo sta per scoprire solo ora, la rapper newyorkese è semplicemente diventata famosa solo ora, ora che il rap femminile è rilevante o più rilevante delle hit dei colleghi del rap maschile, con Cardi B e Nicki Minaj che lottano (letteralmente) per il trono della Regina.

Come mai stiamo sentendo parlare di Junglepussy?

Nata come Shayna McHayle, Junglepussy ha pubblicato il suo terzo album all’inizio di maggio. Intitolato JP3 è il lavoro che, a detta sua, celebra la sua crescita:

I really felt like I was growing at a rapid pace. I felt the growing pains, I felt inertia, all of that. My toenails been growing, my edges been growing, everything has been growing except my butt. No, my butt been growing too, fellas. Everything has been growing. Deadass. Even my butt is getting bigger, so holla at me. All growth out here.

[Mi sono sentita come se stessi crescendo in fretta. Ho sentito i dolori della crescita, l’inerzia, tutto questo. Le mie unghie crescevano, i capelli, cresceva ogni cosa tranne il mio culo. No, anche il mio culo è cresciuto, ragazzi. Tutto è cresciuto. Anche il mio sedere sta diventando più grosso, guardatemi. Tutta crescita.]

 

Ha detto a Fader in un’intervista.

Junglepussy - All of You

Ma chi è Junglepussy e perché questo nome accattivante? Probabilmente la risposta migliore a queste domande sta nel fatto che questa rapper dagli outfit sempre colorati e dagli hairstyle multicolore non si prende mai troppo sul serio, fa un sacco di battute e ama ridere, cosa che la rende super simpatica.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by JP (@junglepussy) on

Il nome: sua madre ha pensato che Junglepussy fosse un buon nome per una spogliarellista, e quando l’ha sentito per la prima volta ha chiesto a sua figlia se quella fosse la sua professione al momento. Ma Junglepussy per lei significava celebrare la propria individualità di donna, ha poco a che fare con la sessualità, così come i suoi testi. O meglio, c’è qualche riferimento alla sessualità, ma sotto forma di insulti alle altre b ******:

 

You Kevin Costner with the drama, its not an opera, love

I’m over talking bout these bitches ain’t amount to shit

All they worry bout is dick and how they mouth could fit

Junglepussy - Nah

Prima di JP3 Junglepussy aveva già pubblicato due progetti, Satisfaction Guaranteed del 2014 e Pregnant With Success nel 2015, e poi ha fatto di tutto e di più.  

 

View this post on Instagram

 

A post shared by JP (@junglepussy) on

Prima è andata in tour con Lelf in tutta Europa. Poi Junglepussy ha tenuto un open format di Q&A a Yale, con il titolo ‘Self Love. Rap Bodacious’. Precedentemente ha studiato all’Institute of Technology di New York, e ha anche lavorato come modella per DKNY.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by JP (@junglepussy) on

E non finisce qui, ha fatto anche la rapper sul set. L’ha fatto Eminem, l’ha fatto Will Smith, l’ha fatto Ice Cube, l’ha fatto Junglepussy. Accanto a Regina Hall, e a Lea DeLaria di Orange is The New Black, ha recitato nella commedia Support the Girls, appena uscita nelle sale.