© Benjamin Herrgott
Destinazioni

Cold surf: quando neve, onde e ghiaccio creano l’impossibile

06.12.2018

Il surf è uno sport che molte persone considerano ‘estremo’, e noi qui in ufficio siamo d’accordo, dobbiamo solo capire se è per la paura del potere dell’acqua a scoraggiare anche i nuotatori più esperti o per una certa avversione per quei pesci grossi coi denti aguzzi che si avvicinano per controllare se ci stiamo dirigendo dalla parte giusta.

Se avete provato a fare surf, sapete bene che è uno sport per temerari. Ma le onde di cui stiamo per parlarvi vanno oltre ogni limite mai sorpassato anche da quei surfisti dotati di grandi dosi di coraggio e temerarietà.

Perché fare cold surf?

Se il livello di difficoltà aumenta, è probabile che i bambini si divertano di più, e questo è esattamente ciò che rende il cold surf la nuova frontiera per molti professionisti. Inoltre, le onde sono mostri spaventosi e nessuno, tranne la rara fauna locale, verrà a disturbarvi.  

Dall’Artico ai paesaggi norvegesi, ecco le località per il cold surf da poter raggiungere tutto l’anno.  

Russia

‘Penisola della Kamchatka’, ecco cosa andrete a cercare su Google dopo aver letto questo: è ancora un posto remoto e poco esplorato per il cold surf, ma aspettatevi grandi avventure e sessioni fantastiche. L’acqua è ovviamente molto fredda e raggiungere la costa via terra potrebbe rivelarsi una sfida ancora più difficile di cavalcare le onde di Kamchatka. Lo scenario è davvero stupefacente, con fiumi di lava che scorrono nel mare e il vulcano come sfondo: il posto dove andare assolutamente è la spiaggia di Khalaktyrskoye, interamente ricoperta di sabbia vulcanica nera.

Photo by Anna Gavrilova

Thurso East, Scotland

Voi che leggete D360 dal Regno Unito sarete contenti di non dover prendere un volo verso una località remota, potete semplicemente mettere la vostra tavola sul portapacchi e guidare qualche ora (nel peggiore dei casi) e fermarvi al ‘premier reefbreak and world class barrel’ a Thurso. È considerato uno dei posti con le onde più grosse e lunghe d’Europa.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Hidden Caithness (@hiddencaithness) on

Iceland

L’Islanda non scherza in termini di condizioni meteorologiche estreme, con venti forti e temperature costantemente sotto lo zero. La costa offre beach break di prima qualità per principianti, nonché scogliere e point break, in particolare quelli che si rompono in prossimità delle rocce. La penisola di Reykjanes è il posto dove trovare le migliori condizioni per il cold surf e il meraviglioso paesaggio di terra vulcanica che solo l’Islanda può offrire.

Circolo Polare Artico

C’è chi si spinge fino al Circolo Polare Artico per vedere l’aurora boreale – leggete qui per saperne di più – e c’è chi si avventura tra ghiaccio e le tormente in cerca dell’onda perfetta. In Norvegia, a quanto pare, i surfer professionisti vengono da tutto il mondo per fare entrambe le cose. Il posto dove andare è Unstad a Lofoten, Norvegia.

USA

New Jersey, New York, New England e Nova Scotia hanno avuto visto inverni piuttosto rigidi e dopo le le voci che dicevano ‘grandi onde’ in arrivo, bene, sono arrivate: hanno iniziato a formarsi big tube, mai surfati prima, e la costa est degli Stati Uniti potrebbe essere ufficialmente nominata come una delle mete preferite per il cold surf.

L'attrezzatura

Inutile dire che, oltre alla migliore attrezzatura per acque fredde e temperature gelide, è necessario essere esperti, allenarsi e fare i compiti a casa prima che la tavola da surf vi implori di partire per una di queste località.

Una volta che avete fatto tutto questo, potete dare un’occhiata al tipo di attrezzatura che vi serve per combattere l’ipotermia: stivali, guanti e cappucci in neoprene sono assolutamente essenziali. L’industria del surf ha anche creato mute innovative riscaldate a batteria, in modo che possiate affidarvi a un aiuto in più per rimanere vivi durante la vostra sessione.

Non dimenticatevi che la preparazione e il tempo di riscaldamento sono importanti quanto la l’attrezzatura giusta anche per affrontare il ghiaccio. Quindi assicuratevi che anche l’attrezzatura ‘fuori dall’acqua’ sia appropriata quanto la vostra muta in neoprene.

E, per ripristinare la temperatura corporea dopo il ghiaccio, potete sempre fare una sessione nella ‘Surf Sauna’: una sauna portatile realizzata a Portsmouth, nel New Hampshire, che può essere affittata per il giorno o anche acquistata per uso personale.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Surf Sauna (@surfsauna) on