Destinazioni

#bucketlist Milano, non solo moda

17.12.2018 | By MICOL PIOVOSI

Non solo Duomo, Castello Sforzesco e Via della Spiga. Milano ha molto altro da offrire a chi è curioso abbastanza da mettersi a esplorarne le viuzze strette e i vicoli dimenticati. Lo shopping milanese è un’esperienza sorprendente, ma non lasciatevi ingannare: la capitale del Nord racchiude in realtà un piccolo universo, capace di catapultare i visitatori in una moltitudine di ere. Se quello che cercate non è soltanto una vacanza all’insegna dello shopping, allora Milano è il posto che fa per voi! Preparatevi a scoprire alcuni quartieri, ristoranti, negozi e punti di riferimento che ancora non conoscevate.

Albergo diurno di Porta Venezia

Piazza Guglielmo Oberdan, 20124 Milano

inarticle-porta-venezia-milan

Per anni è rimasto lì dimenticato. Ora, però, è possibile visitarlo, questo tesoro nascosto sotto Piazza Oberdan. I suoi bagni pubblici in stile Art Deco, anche se non ancora restaurati, tolgono letteralmente il fiato. In origine meta di cittadini e viaggiatori, la struttura offriva sia bagni comuni che di lusso, oltre a una serie di altri servizi, tra cui barbiere e agenzia viaggi. Camminare tra i suoi antichi, fragili tubi di porcellana sarà un’esperienza surreale, grazie ai mosaici che decorano l’intera struttura, dai soffitti a volta del salone principale alle travi di ferro dell’ingresso.

La zona del silenzio

Piazza Eleonora Duse, 3, 20122 Milano

In mezzo ai ritmi frenetici del centro, accanto ai giardini di Porta Venezia, si nasconde la Zona del Silenzio. Qui i rumori del traffico cittadino non potranno raggiungervi. Al contrario, potrete passeggiare tra architetture ed edifici incantevoli e scattare foto perfette per Instagram. Entrando da sotto l’arco di Palazzo della Società Buonarroti-Carpaccio-Giotto, vi sarà possibile visitare la famosa Villa Invernizzi con i suoi fenicotteri rosa, godervi la vista magnifica di Villa Necchi e della prima piscina privata di Milano e, infine, farvi sorprendere dalla grandiosità dei decori gotici di Palazzo Berri-Meregalli.

San Bernardino alle ossa

Via Verziere, 2, 20122 Milano

san-bernardino-alle-ossa

Siete mai stati in un ossario? Questo vi stupirà di certo. Situato in centro città, al termine di un corridoio sul lato destro dell’entrata di una chiesa, San Bernardino alle ossa è un luogo letteralmente fatto di ossa e teschi. Le pareti sono completamente ricoperte dai resti appartenuti un tempo a cimiteri locali, vecchi ossari e pazienti deceduti dell’antico ospedale. Circondati da una moltitudine di sguardi vuoti – o meglio, orbite! – potreste anche essere così fortunati da imbattervi in un anziano del luogo in grado di raccontarvi alcune storie segrete dietro le ossa.

Fuorimano

Via Roberto Cozzi, 3, 20125 Milano

fuorimano milano

“Fuorimano”: un nome che certamente si addice a questo locale insolito nascosto in zona Greco, un’area di Milano che non solo i turisti, ma persino i milanesi stessi, visitano piuttosto di rado. Degno di nota non è solo l’arredamento, ma l’atmosfera tout court, così come il menù, in particolare quello del brunch, e la lista dei cocktail.

Pavè

Via Felice Casati, 27, 20133 Milano

Ci si sente a casa. Potrete sentire l’aroma del caffè e il profumo dei dolci mentre ve ne godete l’atmosfera, oziando comodamente su un divanetto di velluto o seduti a un tavolo condiviso: ci penseranno i brani hipster della radio a intrattenervi mentre aspettate la vostra colazione. Che poi, arriva. Cappuccino – ricco di schiuma, tra i più cremosi e gustosi di tutta la città – e croissant. Anzi, Il Croissant. Personalmente, io adoro La Rossa, con marmellata di lamponi. Ma il Pavé è perfetto anche per pranzi e aperitivi e, naturalmente, per ogni occasione speciale, grazie alle sue meravigliose creazioni di pasticceria.

Laboratorio 16

Via Panfilo Castaldi, 16, 20124 Milano

laboratorio-16-milano

Nato come studio di interior design e architettura, il Laboratorio 16 ora è il luogo perfetto per tutti gli amanti di illustrazione, grafica e design. I direttori creativi sono proprio i due padroni di casa, che danno vita alla carta trasformandola in oggettistica, libri, diari, biglietti e molte altre incantevoli creazioni artigianali.