Culture

Apocalisse Softboy

17.12.2018 | By MICOL PIOVOSI

Probabilmente hai già avuto un incontro più o meno ravvicinato con uno di loro. Come identificarlo? Probabilmente fuma sigarette da lui rollate, si dichiara femminista, ama Nietzsche, ascolta dischi in vinile, ti fa delle playlist su cassetta con un vecchio registratore, scrive per te poesie e vuole mostrarti la sua arte.

Ti ha contattata via messaggio privato, mandandoti una canzone o chiedendo la tua opinione sul movimento #MeToo. È straordinario: sembra proprio un uomo intelligente, che ti tratta come un essere umano. È speciale. È il Softboy.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by 🍑🌥P E A C H Y🌥🍑 (@peachydreams17) on

Urban dictionary dice:

Simile a un Fuckboy, ma senza l’atteggiamento arrogante. Il Softboy tende a intortare la ragazza individuata facendo leva sulle sue emozioni, ovvero mostrando un suo certo lato sensibile abbastanza a lungo da riuscire a portarsela a letto, sia che questa gli piaccia davvero o no. Poi, come il fuckboy, non potrà/vorrà impegnarsi. Differisce dal Fuckboy perché mira al cuore e alle emozioni, piuttosto che che al solo sesso.”

Esatto. È un’evoluzione del più egocentrico e libidinoso Fuckboy. Ti porterà a un concerto e non in discoteca, ti offrirà un caffè filtrato e non un drink alla moda. Ti parlerà di quanto gli abbia cambiato la vita Lo Straniero di Albert Camus, di quanto siano attuali i poeti della Beat Generation e ti farà una lista di libri che “non puoi non leggere”. Allo stesso tempo, ti consiglierà alcune band più o meno misconosciute e ti racconterà di che straordinaria fonte d’ispirazione sia per lui Leonard Cohen. A proposito, sta scrivendo un romanzo o qualcosa di simile, più che altro un diario, ma c’è dell’arte anche lì, eh. Ti dispiacerebbe leggerlo? Potrebbe darti delle nuove idee o aiutarti a migliorare la tua scrittura. E sì, la vedi anche tu l’influenza di Schiele e Basquiat nei suoi schizzi?

 

View this post on Instagram

 

A post shared by aesthetic (@aesthetic.softys) on

Ma certo, che la vedi. E, naturalmente, il tutto inizia a sembrarti… beh, un po’ pretenzioso. Sente il bisogno di spiegarti movimenti letterari e artistici, proprio perché, come ti dice,

“tu non sei come le altre ragazze, sei diversa”.

Inizi a chiederti come faccia anche solo a sapere come sono le altre ragazze, dal momento che non ha amiche né colleghe e che, ovviamente, si è cancellato da Facebook anni fa.

Ok, fermiamoci un attimo. C’è qualcosa che non quadra. Questo ragazzo… ha qualche problema con il suo ego. Pensa di essere superiore a tutti gli altri, è un artista o quello che è, eppure lavora come cameriere o barista. Però, certo, nel frattempo sta anche lavorando al suo libro, spettacolo teatrale, portfolio fotografico. Inizi lentamente a capire. Lui non fa sul serio. Non è sensibile, né veramente interessato alle api o al femminismo. Voleva soltanto “godere dei piaceri della carne e abbandonarsi a fantasie che includono un album dei Velvet Underground”. Sostanzialmente, era un Fuckboy piuttosto furbo, fin dall’inizio.